Invasione Digitale 2014 al Castello di Donnafugata: l’Arte diventa Conoscenza quando viene condivisa.

 


Domenica 4 maggio le “Invasioni Digitali” arriveranno al Castello di Donnafugata, possibile futura dimora della prestigiosa “Collezione di abiti antichi e accessori Arezzo di Trifiletti”, che verrà ‘invaso’ pacificamente alle ore 10.00, con ritrovo nel suggestivo piazzale del castello.

Il percorso si snoderà oltre che fra le stanze del castello, anche nel parco, e si concluderà con una visita all’ipogeo di Donnafugata, poco distante il sito in oggetto.

Lo spirito della manifestazione, che è nazionale e internazionale, è quello della riscoperta dei territori e dei beni culturali di pregio, attraverso le potenzialità di Internet e dei Social media in particolare.
A tutti i partecipanti, infatti, è chiesto di condividere e veicolare la propria esperienza turistica con fotografie, video e brevi testi in tempo reale (durante l’invasione) e successivamente, attraverso i propri canali digitali: Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Flickr e altri.

Gli hashtags ufficiali sono:
#invasionidigitali
#siciliainvasa2014
#invadidonnafugata
#movimentocittà

Che fare?

1) L’appuntamento è per domenica, 4 maggio, alle ore 10.00, all’ingresso del Castello
2) Bisogna venire muniti di tablets e/o smartphone.
3) Prima di accedere, ciascun ‘invasore’ dovrà compilare un modulo di richiesta per la riproduzione del materiale fotografico digitale e, per i meno esperti, verrà spiegato come condividere tutti i dati con gli hashtags ufficiali
4) Ad invasione compiuta, verranno comunque raccolti tutti i dati relativi (immagini, foto, video), che verranno caricati su uno spazio web, il cui link sarà inviato ed inserito nel sito delle Invasioni Digitali.
5) Gli “invasori digitali” potranno beneficiare della riduzione a metà del biglietto d’ingresso.

Pronti per invadere il Castello? Più siamo più ci divertiamo!

Il progetto

Le Invasioni Digitali sono un movimento di persone che supporta il patrimonio culturale “invadendolo” e documentando l’esperienza attraverso il web e i social media. Ogni invasione si prefigge l’obiettivo di creare nuove forme di conversazione e si basa sulla co-creazione e promozione di valore culturale attraverso la partecipazione attiva dei visitatori alla narrazione del patrimonio. Invasioni Digitali è caratterizzato da un approccio dal basso: le persone organizzano indipendentemente singoli eventi in tutto il paese in un periodo stabilito (la prima edizione è stata nell’aprile 2013). Gli invasori sono blogger, fotografi, archeologi, instagramers, storici, esperti di comunicazione ma anche semplici amanti del proprio paese con i più svariati background. L’accelerazione della rivoluzione digitale può contribuire in maniera esponenziale allo svecchiamento delle istituzioni culturali e favorire una concezione “aperta e diffusa” del patrimonio culturale, incoraggiando la conoscenza e la partecipazione a livello educativo e creativo dell’utenza.

Seguici per rimanere aggiornato!

Movimento Città: “Anche a Ragusa il Movimento 5 stelle cammina da solo”

Apprendiamo da notizie di stampa che il Sindaco Piccitto ha proceduto “ad una rivisitazione dell’assetto di giunta ed a rimodulare le deleghe assessoriali”, revocando l’assessore all’ambiente Claudio Conti e chiamando in giunta Salvatore Corallo, al quale è stata assegnata la delega ai lavori pubblici.
E’ certamente prerogativa del Sindaco comporre la propria squadra assessoriale secondo gli obbiettivi che intende perseguire e raggiungere, sulla scorta di valutazioni che gli sono proprie, anche se riteniamo che sarebbe opportuno rendere partecipi i cittadini delle motivazioni sottese alle scelte operate.
Desta, tuttavia, qualche perplessità la sostituzione dell’assessore in concomitanza con la predisposizione del bando per l’affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti, pur se lo stesso Sindaco, sicuramente a motivo della trasparenza e della legalità, ha ritenuto di trattenere la relativa delega.

Nessun coinvolgimento del Movimento Città in tutte le scelte dell’amministrazione, nonostante i timidi approcci con cui il Sindaco, subito dopo le festività natalizie, aveva sondato la disponibilità del Movimento stesso a condividere le responsabilità amministrative.
Prendiamo, quindi, atto della determinazione dello stesso Sindaco, e della maggioranza pentastellata che in consiglio comunale lo sostiene, di continuare il percorso amministrativo in solitario.

Il Movimento Città continuerà la propria azione politica all’interno del consiglio comunale con il proprio rappresentante, Carmelo Ialacqua, proponendo iniziative e progetti esclusivamente nell’interesse della cittadinanza.
Si farà promotore di ulteriori impulsi in consiglio comunale e in commissione, come già avvenuto con il progetto del Pedibus, con il servizio Comuni-Chiamo, con l’emendamento al piano di spesa della Legge 61/81 per l’utilizzo del Palazzo della ex Cancelleria per il Coworking, con la predisposizione del regolamento per gli asili nido famiglia, con la elaborazione di progetti nell’ambito del Patto dei Sindaci (con le relative ricadute economiche a vantaggio della collettività), con l’input per l’acquisto della collezione Arezzo di Trifiletti, per citare solo le più recenti iniziative.

Seguici per rimanere aggiornato!

Convegno organizzato dal Movimento Città sul COWORKING nell’ex palazzo della Cancelleria a Ibla

COWORKING nell’ex palazzo della Cancelleria a Ibla: COntenuto e COntenitore di pregio.

Successo e larga partecipazione dei giovani all’incontro di venerdì pomeriggio al City-Ragusa, organizzato dal Movimento Città, con il patrocinio di Ragusa Digitale, Giovani Imprenditori Ragusa ed Impact Hub, sul tema del Coworking. Oltre che luogo e spazio, il coworking è uno stile lavorativo che coinvolge la partecipazione di professionalità diverse, pur mantenendo l’indipendenza della propria attività.

I lavori, moderati dall’arch. Vincenzo Occhipinti, sono iniziati con i saluti e i ringraziamenti del neo-presidente del Movimento Città, Giuseppe Blundo.
La storia dell’ex-Palazzo della Cancelleria, individuato come destinazione d’uso ideale per il coworking, grazie ad un emendamento del Movimento Città approvato dal consiglio comunale il 16/12/2013, è stato oggetto del primo intervento a cura dell’architetto conservatore Carla Cassone, che ne ha evidenziato le potenzialità come cerniera storica tra Ragusa Ibla e il centro storico di Ragusa superiore.
A seguire, l’intervento di Vincenzo Di Maria, service designer ed innovatore sociale, che ha spiegato cosa s’intende per spazi di coworking, riportando la propria esperienza personale e lavorativa in diverse parti d’Europa.
Viviana Cannizzo, co-fondatore e host manager di Impact Hub di Siracusa, primo punto di connessione con una community globale di oltre 8.000 innovatori sociali sparsi nei 5 continenti, ha illustrato la nascita dell’Hub a Siracusa all’interno di un palazzo comunale nel cuore di Ortigia.

Sempre da Siracusa breve collegamento con Ambra Bonaiuto, presidente di E-Ludo LAB, associazione cha ha aperto in città uno spazio di coworking dedicato agli innovatori, alle startup, ai makers e agli artigiani digitali, denominato Fico-W.

Da Sesto San Giovanni (Milano), interessante contributo video dalle ragazze di LASCIAlaSCIA, che hanno vinto, insieme ad altri professionisti, il bando del comune per l’assegnazione di spazi per atelier e laboratori in comodato d’uso gratuito con spese di gestione e start-up, in uno spazio di circa 3.000 mq, presso gli ex Magazzini Generali Falck (Ma.Ge), patrimonio di archeologia industriale.

L’ing. Mario Scuderi ha poi parlato della propria esperienza di mentore al Working Capital Accelerator di Catania (WCAP), programma di Telecom Italia che aiuta talenti ed idee a trasformarsi in imprese innovative.

Il presidente della nuova associazione Ragusa Digitale, Andrea Cannella, ha presentato i Fab Lab, piccole officine che offrono servizi personalizzati di “fabbricazione digitale”.
Mario Molè, presidente giovani Confindustria Ragusa, che ha favorito tra gli altri la nascita dell’associazione Ragusa Digitale, ha inoltre delineato il progetto di IBLAfarm, che nasce con lo scopo di accelerare le startup del territorio ragusano.

L’idea di promuovere l’imprenditoria giovanile nel settore culturale e artistico, attraverso il coworking, è alla base anche di un interessante proposta progettuale di Totò Biazzo (Impact Hub Siracusa), attraverso l’opportunità offerta dal Bando del Comune di Ragusa nel gennaio del 2013, rivolto a soggetti del privato sociale, singoli o associati in ATS.

Chiude i lavori il consigliere comunale, Carmelo Ialacqua, ribadendo la proposta politica del Movimento Città e la necessità di una visione a lungo respiro per Ragusa, che coniughi anche l’avvio di processi produttivi innovativi e la ri-valorizzazione dei palazzi storici.

Seguici per rimanere aggiornato!